news
& eventi

news
& eventi

16 maggio 2019

Chimab offre da sempre ingredienti specializzati e soluzioni su misura che rispondano alle esigenze specifiche dell’industria alimentare.

VEGGIESTAB COLD CUT è una nuova formulazione testurizzante per affettati vegani e vegetariani, a base di proteine vegetali, farina di lenticchie, fibre vegetali e amidi, completamente gluten free, allergen free, soy free.

L’estrema versatilità permette di utilizzarlo nei tradizionali impianti produttivi, ottenendo un “analogo” con texture e aspetto simili ai prodotti tradizionali. Il prodotto finito presenta impasto omogeno, ottima tenuta della fetta, sempre elastica, e con ridotto rilascio di residui al momento del taglio. VEGGIESTAB COLD CUT crea emulsioni stabili, con alta capacità di trattenere l’acqua e senza separazioni di fase in cottura, pastorizzazione e shelf life. 

I nostri esperti sono a vostra disposizione per sviluppare prodotti innovativi e ricette personalizzate, supportando ogni esigenza applica-tiva.


16 maggio 2019

Secondo INNOVA Consumer Research Survey 2018, il 73,2% dei consumatori italiani ha affermato di acquistare referenze di dessert freddi e gelati al supermercato. Il futuro del mercato del gelato “tradizionale” continuerà ad essere sicuro e in continua ascesa, ma ci sono alcune tendenze da monitorare.

I nuovi product concept compariranno accanto a quelli tradizionali, arricchendo la gamma prodotti e fornendo ai consumatori l’alternativa che stanno cercando.

GELATO VEGANO SEMPRE PIÙ “MAINSTREAM” – Le soluzioni VEGGIE di CHIMAB


Il gelato è un prodotto dolciario a base di latte e il latte è associato, per alcuni consumatori, a problemi dell’apparato digerente. Il lattosio infatti, uno zucchero del latte contenuto nel gelato, può essere difficoltoso da digerire per molti adulti. Le proteine del latte, le caseine, risultano di difficile digestione per i bambini. È anche per questi motivi che l’eliminazione del latte e dei prodotti a base latte nella dieta sta diventando sempre più mainstream: oltre a questo, la scelta è spesso dovuta anche a questioni etiche e ambientali.

I laboratori R&D di CHIMAB hanno sviluppato VEGGIE CREAM, una soluzione ingredientistica per la produzione di gelato vegano, a base di amidi e proteine vegetali. Il gelato ottenuto con VEGGIE CREAM è senza latte, lattosio o caseine: è altamente digeribile ma, in linea con le richieste dei consumatori, con gusto e consistenza tipica del gelato tradizionale, senza retrogusti, colesterolo o grassi animali.

La soluzione VEGGIE cream è allergen free e non contiene zuccheri aggiunti: le sue proprietà strutturanti uniche permettono di ottenere un’emulsione stabile, con ottima cremosità e spatolabilità. Il prodotto finito ottenuto con VEGGIE CREAM ha buona stabilità termica e un alto e stabile overrun. Può essere arricchito con inclusioni, toppings e personalizzato con diversi gusti e colorazioni. VEGGIE CREAM può essere utilizzato sia in impianti industriali che in laboratori artigianali.

PROTEINE DEL LATTE: SPORT NUTRITION & VANTAGGI PRODUTTIVI


Il latte è la materia prima caratteristica del gelato classico ma è anche fonte di proteine, che sono spesso annoverate tra i maggiori trend dell’alimentazione sportiva. Nel 2018, in Europa, i lanci prodotto di gelati e dessert freddi arricchiti con proteine sono triplicati rispetto al 2015. Le proteine del latte sono particolarmente apprezzate per il loro alto livello di assorbimento da parte dell’organismo.

La gamma ingredienti di CHIMAB comprende proteine del latte e del siero, adatte a tutte le applicazioni. Oltre ai benefici nutritivi e funzionali, le proteine apportano vantaggi anche durante il processo produttivo, contribuendo al miglioramento della struttura e della texture nel prodotto finito. I laboratori R&D CHIMAB sono a vostra disposizione per sviluppare la miglior miscela di proteine per un gelato perfetto.

NUOVO TREND DALL’ASIA: GELATO MOCHI


Uno dei maggiori trend del settore alimentare nel 2019 è il consumatore “avventuroso”: un consumatore curioso, pronto ad assaggiare (ed apprezzare) nuovi gusti esotici e accostamenti insoliti, alla scoperta di nuovi prodotti e nuovi sapori. Nel settore del gelato, la tendenza verso i gusti esotici in Europa si è espressa con la scoperta del gelato mochi. Il mochi è una pasta di riso glutinoso: nel mochi ice cream un sottile strato di mochi avvolge una porzione di gelato. Questa tipologia di dessert è estremamente versatile nei colori e nei gusti ed è solitamente incartata e venduta singolarmente: una caratteristica connessa al recente trend dello snacking e delle monoporzioni. È anche un perfetto “mix & match”: grazie ai diversi gusti e colori è adatto alla creazione di un facile “sharing” dessert.

Il gelato mochi sta guadagnando terreno anche grazie al settore della ristorazione, come ad esempio i ristoranti asiatici, che inseriscono il mochi ice-cream nei loro menù.

La gamma di prodotti CHIMAB include numerosi coloranti e aromi naturali, per un prodotto finito ottimale. Questi ingredienti di alta qualità conferiscono al prodotto finito un aspetto invitante: i laboratori CHIMAB possono sviluppare soluzioni coloranti e aromatiche specifiche, in linea con i requisiti tecnici e le richieste di mercato. Inoltre, la R&D di CHIMAB ha rinnovato la gamma CREMIGEL, sistemi emulsionanti e stabilizzanti per la produzione di gelato con ottima struttura e texture, nel rispetto delle esigenze tecniche del gelato mochi.

UN SETTORE SALUTARE: I SORBETTI E I GELATI "LIGHT"


I sorbetti sono spesso considerati come l’alternativa “sana” al gelato. Sono considerati più leggeri e senza grassi e contengono molte meno calorie rispetto al gelato classico. Nel settore salutistico, i sorbetti e i gelati sono caratterizzati da claim quali “senza zuccheri aggiunti” o altri ingredienti “clean label”.

La soluzione CHIMAB per gelato e sorbetti DELIMIX SUGAR FREE è a base di fibre ed edulcoranti, per la sostituzione dello zucchero durante il processo produttivo. Grazie a DELIMIX SUGAR FREE è possibile sostituire ingredienti come il glucosio, il destrosio e il saccarosio, per ottenere un prodotto di alta qualità, bilanciato dal punto di vista nutrizionale e con basso indice glicemico.

La partnership con CHIMAB permette di rispondere a diverse necessità di produzione o di ricettazione: i nostri laboratori R&D studiano e sviluppano innovative soluzioni ingredientistiche per prodotti che incontrano i gusti dei consumatori.

Contattateci e scoprite cosa possiamo fare per voi! chimab@chimab.it – 049 9201496


13 maggio 2019

La divisione Baking & Confectionery di Chimab è al fianco dell’industria molitoria e della panificazione per supportarla nella sfida quotidiana a sviluppare e innovare nuovi prodotti.

I più recenti trend di mercato evidenziano una continua crescita della richiesta di prodotti salutari e naturali; CHIMAB ha sviluppato una gamma di soluzioni funzionali a base di enzimi che rispondano a queste esigenze, nel pieno rispetto della tradizione molitoria e di panificazione.

Le soluzioni CHIMAB apportano al prodotto numerosi benefici:

  • Miglioramento della maglia glutinica
  • Limitazione del rilassamento dell’impasto
  • Aumento della resa e del volume
  • Aumento della freschezza e della shelf life
  • Aumento della tolleranza meccanica
  • Migliore stabilità dell’impasto
  • Friabilità e croccantezza della crosta

Nel laboratorio Baking di CHIMAB i nostri tecnologi danno vita a una gamma di prodotti in grado di soddisfare pienamente ogni richiesta di mercato. Grazie alla partnership con i nostri clienti sviluppiamo nuovi sistemi, mix tailor made e diverse soluzioni di confezionamento.

Le linee Baking di CHIMAB si dividono in:

  • MIXENZYME: Semilavorati per la preparazione di prodotti da forno
  • PANEMPROVERS: Miglioratori della qualità della farina
  • PANENZYME: Linea di enzimi per la panificazione

Contattate il team CHIMAB per scoprire tutte le nostre soluzioni ingredientistiche – chimab@chimab.it ; 049 920 1496


13 maggio 2019

Le colture starter sono costituite da batteri “buoni”, che vengono impiegati per avviare un processo di trasformazione di materie prime e assicurare l’esito tecnologico delle preparazioni a base carne. Grazie all’utilizzo delle colture starter è possibile aumentare la sicurezza alimentare e garantire un processo produttivo più stabile, oltre che prolungare la stabilità dei prodotti durante la shelf-life.

I consumatori acquistano con sempre maggiore consapevolezza e attenzione verso la propria salute e verso i prodotti da scegliere. CHIMAB è al fianco delle aziende alimentari per sviluppare prodotti sani, sicuri e in linea con le richieste dei consumatori.
Grazie all’ampia gamma delle colture starter di CHIMAB è possibile:

  • Aumentare la sicurezza alimentare
  • Uniformare il processo produttivo
  • Aumentare la stabilità durante il ciclo di vita del prodotto

Le colture starter CHIMAB rappresentano la soluzione per la produzione di prodotti a base carne sicuri, uniformi e con buona conservabilità: le colture microbiche assicurano sicurezza, riducono i costi e migliorano il colore e il sapore.
A seconda delle applicazioni in prodotto finito, CHIMAB ha sviluppato la miscela più adatta di colture starter.

Le colture starter mantengono sotto controllo il microbiota, garantendo lo sviluppo delle caratteristiche organolettiche tipiche del prodotto (colore, aroma). Gli stafilococchi presenti all’interno delle colture garantiscono un’ottima qualità e mantenimento del colore, persino nella maturazione veloce; rendono il colore della carne più vivo, prevenendo l’ossidazione e la rancidità ed esaltando l’aroma. I batteri lattici favoriscono la stagionatura e l’asciugatura del prodotto, mentre i pedioccocchi garantiscono sicurezza al prodotto prolungandone la shelf life, grazie alla produzione di batteriocine contro la Listeria Monocytogens.

Le attività metaboliche di questi microrganismi sfruttate nei processi fermentativi sono:

  • Produzione di acidi organici (acido lattico e acetico)
  • Produzione di enzimi idrolitici (proteasi e lipasi)
  • Sintesi di sostanze anti-microbiche (batteriocine e pediocine), utili nel controllo di batteri patogeni che possono essere presenti nelle materie prime.

Grazie all’utilizzo delle colture starter adatte il processo fermentativo aumenta a tutti gli effetti la sicurezza degli alimenti, assicurando le note di colore e aroma tipiche dei prodotti tradizionali e le loro caratteristiche sensoriali tipiche. 
I laboratori di Ricerca & Sviluppo CHIMAB sono a vostra disposizione per individuare la coltura starter più adatta alle diverse esigenze di stagionatura, per garantire sicurezza e sviluppo ottimale delle caratteristiche organolettiche del prodotto, adattandosi alle diverse esigenze di produzione.


06 maggio 2019

Chimab offre da sempre ingredienti specializzati e soluzioni su misura che rispondano alle esigenze specifiche dell’industria alimentare.

VEGGIE FRANKFURTER è una soluzione funzionale testurizzante a base di amidi, farine vegetali e fibre per prodotti emulsionati vegetariani quali frankfurters e wurstel vegetali. La formulazione, versatile e altamente performante, permette di creare emulsioni stabili con ottima texture e dal colore naturale e stabile, con grade capacità di trattenere l’acqua e senza separazioni di fase in cottura, pastorizzazione e shelf life.

VEGGIE FRANKFURTER è una ricetta allergen free, personalizzabile secondo le esigenze produttive del cliente, particolari profili aromatici, anche con inclusioni vegetali e di cheese analogue etc .
Formula ad alto rendimento, di veloce e semplice utilizzo, anche nei tradizionali impianti produttivi.

I nostri esperti sono a vostra disposizione per sviluppare prodotti innovativi e ricette personalizzate, supportando ogni esigenza applicativa.

 


23 aprile 2019

Chimab offre da sempre ingredienti specializzati e soluzioni su misura che rispondano alle esigenze specifiche dell’industria alimentare. 

VEGGIE BURG NUCLEO K 15 è una soluzione funzionale testurizzante per prodotti vegani e vegetariani quali hamburger, polpette e crocchette con ottimo mouthfeel e senza allergeni.

La speciale formula è a base di ingredienti naturali e senza conservanti; può essere personalizzata con diversi profili aromatici, con verdure e inclusioni di cheese analogue.
I prodotti finiti si realizzano a freddo, con le consuete attrezzature, e con un semplice procedimento produttivo.

VEGGIE BURG NUCLEO CLEAN è una innovativa soluzione funzionale testurizzante per prodotti vegani e vegetariani quali burger, polpette e crocchette veg.

Formulazione a base di farine vegetali e fibre che permette di realizzare prodotti finiti clean label, senza conservanti, senza E number e allergen free per prodotti salubri e naturali.
Il profilo aromatico neutro permette di sviluppare prodotti personalizzabili a seconda della ricetta, anche con inclusioni di vegetali, o di cheese analogue. Formula di semplice utilizzo, adatta per la produzione a freddo.

I nostri esperti sono a vostra disposizione per sviluppare prodotti innovativi e ricette personalizzate, supportando ogni esigenza applicativa. 


15 aprile 2019

 

Il Ministero della Salute con Decreto 7 febbraio 2019 n. 30, nel modificare le disposizioni nazionali che disciplinano gli imballaggi, i recipienti, gli utensili destinati a venire in contatto con le sostanze alimentari o con sostanze d’uso personale, ha consentendo l’utilizzo, secondo le condizioni previste, della resina N,N,N’,N’-tetrachis (2-idrossipropil)-adipammidemodificato per il rivestimento dei metalli.


Condizioni d’impiego

L’utilizzo della resina N,N,N’,N’-tetrachis (2-idrossipropil)-adipammidemodificato per la produzione di dispersioni polimeriche di poliolefine funzionalizzate con gruppi acrilici e/o anidridi, utilizzate come rivestimenti su metalli, non deve essere superiore al 6% rispetto al peso secco della dispersione.

La resina in questione può essere utilizzata per il rivestimento dei metalli destinati al contatto di tutti i tipi di alimenti, in condizioni di contatto di sterilizzazione e/o pastorizzazione seguite da conservazione prolungata a temperatura ambiente o inferiore.


Esclusione dell’applicazione delle disposizioni del Decreto

Il Decreto in questione stabilisce l’esclusione dell’applicazione delle disposizioni ivi previste, ai materiali e agli oggetti legalmente fabbricati e/o commercializzati in un altro Stato dell’Unione europea o in Turchia, o legalmente fabbricati in uno degli Stati firmatari dell’Associazione europea di libero scambio (EFTA), parte contraente dell’accordo sullo spazio economico europeo (SEE), purché garantiscano un livello equivalente di protezione della salute.


09 aprile 2019
La Commissione Europea ha confermato l’impiego, secondo le condizioni previste, dei preparati alfa-amilasi prodotta da Bacillus amyloliquefaciens, da Bacillus amyloliquefaciens o da Aspergillus oryzae, nonché del preparato endo-1,4-beta-glucanasi prodotta da Trichoderma reesei nei mangimi destinati a tutte le specie animali.
 
Il Regolamento entra in vigore il 11 aprile 2019.
 
Disposizioni previste dal Regolamento UE n. 2019/454
 
In vista del fatto che:
  • i preparati in questione sono state autorizzati a tempo indeterminato, ai sensi delle precedenti normative, nei mangimi destinati a tutte le specie animali;
  • tale sostanze sono state successivamente iscritte nel registro comunitario degli additivi per mangimi quali prodotti esistenti;
  • è stata presentata domanda di rivalutazione delle citate sostanze, ai sensi della nuova normativa che disciplina gli additivi destinati all’alimentazione animale, per i mangimi destinati a tutte le specie animali;
  • l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha concluso che nelle condizioni d’impiego proposte non vi sono effetti dannosi sulla salute animale, sulla salute umana o sull’ambiente;
la Commissione Europea ha confermato, sino all’11 aprile 2029, l’impiego dei preparati alfa-amilasi prodotta da Bacillus amyloliquefaciens, da Bacillus amyloliquefaciens o da Aspergillus oryzae, nonché del preparato endo-1,4-beta-glucanasi prodotta da Trichoderma reesei nei mangimi destinati a tutte le specie animali, secondo le condizioni ivi stabilite, classificandola nella categoria additivi tecnologici e al gruppo funzionale additivi per l’insilaggio.
 

04 aprile 2019

La Commissione Europea, con Regolamento UE del 31 luglio 2018 n. 1090 , ha autorizzato l’impiego del preparato 3-fitasi prodotta da Komagataella pastoris nei mangimi destinati alle pollastre allevate per la produzione di uova e alle specie avicole minori da ingrasso o allevate per la produzione di uova o per la riproduzione.

Il Regolamento è entrato in vigore il 20 febbraio 2019.

Disposizioni previste dal Regolamento UE n. 2019/144

In vista del fatto che:

  • è stata presentata una domanda di autorizzazione per l’impiego del preparato 3-fitasi prodotta da Komagataella pastoris nei mangimi destinati alle pollastre allevate per la produzione di uova e alle specie avicole minori da ingrasso o allevate per la produzione di uova o per la riproduzione;
  • l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha concluso che nelle condizioni d’impiego proposte non vi sono effetti dannosi sulla salute animale, sulla salute umana o sull’ambiente;

la Commissione Europea ha autorizzato, sino al 20 febbraio 2029, l’impiego del preparato 3-fitasi prodotta da Komagataella pastoris nei mangimi destinati alle pollastre allevate per la produzione di uova e alle specie avicole minori da ingrasso o allevate per la produzione di uova o per la riproduzione, secondo le condizioni ivi stabilite, classificandoli nella categoria additivi zootecnici e al gruppo funzionale promotori della digestione.


01 aprile 2019

La Commissione Europea, con il Regolamento UE dell’11 marzo 2019 n. 387, ha modificato il Regolamento che ha autorizzato, quale nuovo prodotto alimentare, l’olio derivato da Schizochytrium sp., il quale:

  • può essere utilizzato anche nella purea di frutta e di verdura, in concentrazione massima non superiore a 100 mg/100 g;
  • deve essere indicato in etichetta dei prodotti alimentari che contengono detta sostanza, con la nuova denominazione: “olio derivato dalla microalga Schizochytrium sp”, anziché “olio derivato dalla microalga Schizochytrium sp. (ATCC PTA-9695)” come previsto in precedenza.

Il Regolamento in questione si applica a partire dal 1° aprile 2019.

Prodotti in cui può essere utilizzato l’olio derivato da Schizochytrium sp.

Oltre che nella purea di frutta e di verdura, prevista dal Regolamento in questione, l’olio derivato da Schizochytrium sp. è autorizzato ad essere impiegato anche:

  • nei prodotti lattiero-caseari, escluse le bevande a base di latte, in concentrazione massima non superiore a 200 mg/100 g o nei prodotti caseari in concentrazione massima non superiore a 600 mg/100 g;
  • nei prodotti sostitutivi dei prodotti lattiero-caseari, escluse le bevande, in concentrazione massima non superiore a 200 mg/100 g o nei prodotti sostitutivi dei prodotti caseari in concentrazione massima non superiore a 600 mg/100 g;
  • nei grassi spalmabili e nei condimenti, in concentrazione massima non superiore a 600 mg/100 g;
  • nei cereali da prima colazione, in concentrazione massima non superiore a 500 mg/100 g;
  • negli integratori alimentari, in concentrazione massima non superiore a 250 mg di DHA/giorno per la popolazione in generale e 450 mg di DHA/giorno per le donne durante la gravidanza e l’allattamento;
  • nei sostituti dell’intera razione alimentare giornaliera per il controllo del peso, in concentrazione massima non superiore a 250 mg per pasto;
  • nelle bevande a base di latte e nei prodotti analoghi destinati ai bambini nella prima infanzia, in concentrazione massima non superiore a 200 mg/100 g;
  • negli alimenti destinati a persone che compiono uno sforzo muscolare intenso, soprattutto agli sportivi, in concentrazione massima non superiore a 200 mg/100 g;
  • negli alimenti recanti diciture sull’assenza di glutine o sulla sua presenza in misura ridotta, in concentrazione massima non superiore a 200 mg/100 g;
  • negli alimenti a fini medici speciali, in concentrazione massima non superiore alle particolari esigenze nutrizionali delle persone cui sono destinati i prodotti;
  • nei prodotti di panetteria (pane, panini e biscotti con aggiunta di dolcificanti), in concentrazione massima non superiore a 200 mg/100 g;
  • nelle barrette ai cereali, in concentrazione massima non superiore a 500 mg/100 g;
  • nei grassi da cucina, in concentrazione massima non superiore a 360 mg/100 g;
  • nelle bevande analcoliche (compresi i prodotti sostitutivi dei prodotti lattiero-caseari e le bevande a base di latte), in concentrazione massima non superiore a 80 mg/100 ml;
  • nelle formule per lattanti e formule di proseguimento, in concentrazione massima non superiore a quella prevista dalla normativa di riferimento;
  • negli alimenti trasformati a base di cereali e alimenti destinati ai lattanti e ai bambini nella prima infanzia, in concentrazione massima non superiore a 200 mg/100 g.